Exchange Student in MIchigan
Exchange Student in MIchigan

Credo che gli Exchange Students che partono per l’America possano essere divisi in 2 grandi categorie: gli “Alaska” e i non. I primi non temono lo Stato del freddo ma anzi, ne sono incuriositi, gli altri ne sono terrorizzati o proprio non ci tengono a sperimentare.

Io facevo parte della categoria numero due. Vengo dal Veneto, non dalla Calabria, quindi le basse temperature non sono completamente nuove per me ma l’Alaska sarebbe stato troppo pensavo.

Quando mi è arrivato il placement e ho letto Michigan ho detto subito “cavolo è al Nord…ma perlomeno non è Alaska”. Titolo di un articolo che oggi girava nel web: The Midwest is colder than Antarctica, Alaska and Siberia right now.

É così che mi trovo con la temperatura di -20 celsius che vengono percepiti come -30 e con 30 centimetri di neve. Sorte? Non so, ma ha anche i suoi lati positivi. Poiché le strade sono orribili e le temperature raggiunte sono da record, (o almeno così dicono), le scuole da lunedì sono state chiuse. Li chiamano “Snow days” e se trascorri il tuo exchange in un paese del Nord questi giorni diventeranno i tuoi migliori amici.

C’è una certa soddisfazione nel ricevere quel messaggio dalla scuola che annuncia un giorno di libertà in più. Nonostante questo c’è anche una parte seria in tutto ciò perché tante persone in questo momento non hanno la fortuna di essere in una casa calda ed accogliente come la mia e a queste persone va il mio pensiero in questi giorni.

Quello che forse non avevo capito prima di partire è che ovunque sarei capitata sarebbe stata una sfida o esperienza nuova con il clima, ma questo non avrebbe rovinato la mia permanenza ma l’avrebbe semplicemente resa più speciale!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here